domenica 22 gennaio 2017

Rogue One

  • Sabato 21 gennaio 2017, spettacolo delle 20.00
  • Cinema Lux, in ultima fila. Bambini presenti in sala che tra il primo e secondo tempo sentono la necessità di prendere lo smart-phone e giocare ai video-game.

Inevitabile, bisognava vederlo per (la) forza, anche se la mattonata sui coglioni era in agguato dietro l'angolo, quasi meglio un film francese in cui tutti muoiono di AIDS oppure un Dogma integralista in bianco e nero sull'incesto (non Festen però... che Festen è bellissimo).

Andate solo se vi piacciono gli effetti speciali, se per motivi inesplicabili vi eccitate solo con astronavi e pianeti che esplodono, allora prego, andate pure, altrimenti no.
Di storia ce n'è pochina e i dialoghi raccapriccianti non aiutano.
La versione doppiata in italiano poi sembra a cura dei doppiatori parrocchiali amatoriali del martedì sera, e nemmeno questo aiuta.

Personaggi...
Mi piace molto Felicity Jones che come di consueto avevo talentscoutato in una delle sue prime apparizioni, in "Flashback of a fool",  mai uscito in Italia e che a me continua a piacere molto.
Un visetto delizioso che se ripreso dal profilo meno fotogenico inspiegabilmente sembra quasi brutto... Ovviamente il regista, per motivi oscuri, spesso predilige questa inquadratura.

Il tipo con cui alla fine c'è il bacio, di cui non mi ricordo già più il nome e che non vale neanche una rapida ricerca su IMDB, è uguale a Ricky Menphis smagrito.

Ora... non è che io voglia denigrare Ricky Menphis, che oltretutto mi sta pure molto simpatico ma cazzo nell'universo attoriale ci sono dei fichi da paura, che te senti male solo a guardarli...
Non dico che dobbiamo arrivare alle vette di un James Franco che quando sorride irradia sex-appeal  da qui alla costellazione di Orione, ma Ricky Menphis con 20 chili in meno non è la mia idea di protagonista di un episodio di Guerre Stellari.

Sempre interessante Mads Mikkelsen che sta bene con tutto, proprio come una borsa di Gucci d'annata.

Taccio su Forrest Withaker, tra l'altro forse il peggio doppiato di tutti, e la considero la mia buona azione quotidiana.

Trama sconclusionata con buchi di sceneggiatura grandi come l'accesso nello scudo spaziale del pianeta. Meraviglioso (sottolineo che è ironico perché al lettore frettolo spesso tende a sfuggire completamente) il momento in cui uno dei comprimari dovendo collegare un cavo per trasmettere dei dati (cazzarola non hanno il wi-fi), è impossibilitato a farlo perché il filo è troppo corto.
Cambio di scena e il filo magicamente si è allungato di cinque o sei metri.

Aggiungo che tutta la "filosofia" originaria è un pallido ricordo ed è solo accennata mentre la roboante colonna sonora non abbandona un solo secondo la visione, aumentando ulteriormente la dimensione dei suddetti coglioni, già pesantemente messi a dura prova dalla mattonata ricevuta.

La mia amica Emanuela ha commentato: "Forse l'unica novità potrebbe essere che lei avesse una storia con il robot...". Ma no... purtroppo non è così!

Consigli per una prossima visione?

Abbinamento di un certo prestigio, una new entry nelle categorie degli abbinamenti del Cinefilante... perfetto da abbinare con Rogue One.... Vabbè se volete scoprire il mistero selezionate il testo seguente tra le due X...


X                       STOCAZZO!                    X

3 commenti:

franco battaglia ha detto...

Ma tutti quelli rimasti a bocca aperta?!?

Il cinefilante ha detto...

lasciali perdere... :-D

Babol ha detto...

Per me l'unico difetto del film è il già citato Whitaker che già mal sopporto, oltre all'inizio effettivamente da mattonata sulle balle.
Il resto mi è piaciuto parecchio, nei limiti di quanto possa piacere un film di Star Wars a chi non ha mai vissuto nel mito della saga creata da Lucas.