venerdì 5 febbraio 2010

Divagatia Magna - Come finisce il film il dubbio?


Miei cari lettori!
Oggi inauguro la rubrica "Divagatia Magna" in cui approfondisco alcune tematiche sul cinema e il blog ed è la prima di alcune novità che si faranno strada nel 2010.

La divagatia magna, come tale, potrà trattare temi svariati come nella tradizione più consolidata del narcisismo da blog... ovvero persone che scrivono, convinte di aver qualcosa di interessante da dire e che alla fine cominciano ad annoiare mortalmente i lettori con gli affaracci propri...
Oggi comunque mi sento chiamata in causa a chiarire come finisce il film Il dubbio e vi spiego il perché.
Sapete che ci sono delle applicazioni che consentono di monitorare gli accessi al blog e di vedere cosa sta cercando il/la malcapitato/a che è capitato sulla pagina... ebbene sono mesi, vi giuro mesi che c'è qualcuno che, pressocché quotidianamente, sonda la rete per avere una risposta a questa domanda "come finisce il film il dubbio".
Cazzo... non riesco a crederci... mi rivolgo proprio a te... utente che vuoi sapere da mesi come finisce il dubbio... ma te lo sei visto il film? Non stiamo parlando di Inland Empire...
Però visto che da mesi capiti sul mio blog incerca di questa risposta ho deciso di premiarti e di spiegarti come finisce il dubbio.
Ascolta bene...
Meryl Streep, che fa la suora antipatica, sospetta che Philip Seymour Hoffman sia un po' pedofilo... Tanto fa... che quello se ne deve andare per evitare di finire nei casini.
Lei, oramai vittoriosa, ha un dubbio ( e lo dice anche nel didascalicissimo finale: ho un dubbioooooooo!!!!!).
Insomma tutto il suo intergralismo inflessibile, la sua rigidità, la sua convinzione di agire per il meglio, basata effettivamente solo su un sospetto, si sgretola di fronte al dubbio.
Dubbio che rappresenta il dilemma e, contemporaneamente, il fondamento della fede stessa....
Almeno questa è la mia interpretazione...

Caro utente che ti interroghi su come finisce il dubbio... mi auguro che tu non sia la stessa persona che da altrettanti mesi capiti sul Cinefilante in cerca di "Nonna segaiola", "Nonna che fa le pippe" e che tu non sia nemmeno quell'altro, che non riesce a passar nottata senza cercare forsennatamente una risposta ad una curiosità evidentemente insopprimibile: In Antichrist il cazzo di Defoe è vero?

Ecco io a volte sono in fila dal panettiere per comprare un paio di rosette, vedo accanto a me gente comune e sono certa che tra di loro si nascondono persone piene di domande che interrogano il web in cerca di risposte... e alcune capitano sul Cinefilante...
Come finisce il dubbio (per me) ve l'ho detto....
Per la nonna segaiola immagino che vi riferiate a Irina Palm, film delizioso e nient'affatto volgare...
Sul cazzo di Defoe non so che dire.. però sono certa che si possa sopravvivere anche senza conoscere la verità... ma voglio essere buona... appena incontro Willem glielo chiedo e vi faccio sapere...

4 commenti:

Ballestrero ha detto...

Innanzitutto complimenti per l'apertura della nuova rubrica! Divagatia Magna poi è un nome azzeccatissimo che quasi mi pento di non aver trovato io! L'argomento l'avevo già trattato anche io nel post "Dammi la parola chiave e ti dirò chi sei". Se sei d'accordo potremo anche aprire una rubrica congiunta, perché se si arriva al tuo blog "misurando il cazzo di Defoe", al mio ci si arriva con "fimati o video mamme e zie che scopano figli o nipoti gratis"

Fripounet ha detto...

mon cher ballestrerò evidement vous avez deux target different! le cinefilante attire celui qui cherche il cazzo de defoe... toi celui qui veut se tromber la tante!
pardonne-mois si je ne traduis pas "cazzo"... mais tu sais... en italien c'est toute une autre chose!
toujour votre
Fripounet

Il cinefilante ha detto...

quest'ultimo mese 15 visite al cinefilante per sapere come finisce il dubbio... e nemmeno un grazie! ;-)

Valentina ha detto...

Decisamente troppo banale come fine. A questa avevo pensato anch'io. Il punto è che d un film che prometteva così bene e soprattutto si era sviluppato abbastanza bene non mi aspettavo uno scioglimento così semplice. A mio avviso sotto c'è dell'altro. Ci mediterò stanotte.