lunedì 29 novembre 2010

Maschi contro femmine

  • Qualche giorno fa al cinema Antares di Viale Adriatico, di pomeriggio, almeno pagati solo 10 euri in due.
  • In sala 4 persone totali
Fausto Brizzi si ispira al nulla di Federico Moccia e si candida a Vanzina patinato del secondo decennio del 2000.
Il cinema italiano ridotto a format, appena un gradino più su di Boldi & company, mancano i rutti ma i "cazzo" e i "frocio" volano a frotte.
Prendi, dati alla mano, quegli attori che tirano di più tra cinema  e televisione, assembla un determinato numero di sketch senza pensare ad una sceneggiatura compiuta, aggiungi tre o quattro stereotipi qua e là, frulla tutto e vomita su uno schermo, sarà uno dei film più visti della stagione.
Montaggio imbarazzante e ritmo rallentato ma con le necessarie inquadrature dedicate a culi e tette che focalizzano l’interesse degli spettatori maschi. Le femmine invece si potranno identificare in Carla Signoris alle prese con le corna, depressione, toy boy e rigurgiti di autostima perduta. Non manca l’accenno lesbo e anche un bacio per sbaglio tra uomini (che si sa… son sempre i più repressi e hanno bisogno di sbagliarsi per finire l’uno nelle braccia dell’altro).
La cosa più triste è che questa perla avrà un seguito che probabilmente sarà anche peggio.
Una giostra grottesca in cui mancava solo una Sandrelli novella vedova inconsolabile che incoraggiata dai figli a iscriversi a facebook ritrova il primo amore di scuola con il quale scopre le gioie del sesso virtuale.
È vero che lo standard di qualità del cinema italiano è in caduta libera ma possibile che non ci sia un regista capace di fare un film anche solo semplicemente carino?

Volete sapere come finisce Maschi contro femmine? Selezionate il seguente testo da qui:
Carla Signoris cede alle lusinghe di Cederna, Nicolas Vaporidis rinuncia alla pseudo lesbica per mantenere l'amicizia con la toscotettona, la Cortellesi e Preziosi si mettono insieme, Fabio De Luigi torna a casa con la coda tra le gambe (uno degli episodi peggiori  del film).
a qui!

Di fronte a tali puttanate non si può che recuperare qualche pellicola decente in cui la schermaglia tra "maschi" e "femmine" sia trattata un filimo meglio di questa grossolana pantomima. Proporrei di ripescare Ero uno sposo di guerra, di Howard Hawks. Ma volendo anche Venere e il professore e l'intramontabile Gli uomini preferiscono le bionde.
Cazzo... si studi prima di fare certe schifezze!

11 commenti:

Silvietta ha detto...

Davvero?Ammetto che ehm sarei andata a vederlo solo perché appare la mitica nazionale maschile di pallavolo di Velasco ^_^.
Sono curiosa di leggere la tua sul film, così vedrò il dà farsi.
Ah prova a leggerti qui ^_^ ->http://enchantedforest81.blogspot.com/2010/11/mio-manuale-semiserio-di-buona.html

Il cinefilante ha detto...

Veramente la pallavolo nel film è femminile... comunque penso che il film possa anche piacere visto gli incassi stratosferici che sta facendo...

Silvietta ha detto...

Davvero?Nello spot che facevano vedere in agosto si erano visti chiaramente, Bernardi, Zorzi e Velasco...
che caos che hanno fatto -_-

Argh il fatto che incassi non è sempre buon segno per me...

Sasà-l'omniscente ha detto...

Bernardi, Zorzi e Velasco, appaiono nel video della canzone "Maschi contro femmine", colonna sonora del film, scritta e cantata da Francesco Baccini.

Viene inscenata una partita tra la squadra maschile di pallavolo e quella femminile, dove oltre alle più note palloviliste italiane figura Giorgia Wurth, l'attrice che nel film gioca a pallavolo.

Silvietta ha detto...

@Sasà-l'omniscente= Grazie per la spiegazione, allora mi sa che mi guarderò solo il video^_^

Il cinefilante ha detto...

complimenti per il nick sasà... e torna a trovarmi! adoro gli onniscenti! :-)

Sasà-quasi onniscente ha detto...

@Silvietta

http://www.youtube.com/watch?v=7VWdgrnzZ6E

@Il cinefilante

Si sono onniscente!So tutto! Tranne, se si possa utilizzare indifferentemente il termine onniscente o omniscente.

Il cinefilante ha detto...

sasà.. . visto che sei omni/onniscente ne approfitto per farti qualche domanda... cosa mi dici di altre forme di vita nell'universo oltre noi? cosa pensi che accadrà a dicembre del 2012? ma soprattutto, nel frattempo, mi daresti qualche numero vincente da giocare al lotto?

Sasà-l'onniscente ha detto...

-cosa mi dici di altre forme di vita nell'universo oltre noi?

Esistono e sono molto più intelligenti di noi, per questo di stanno ben alla larga.


-cosa pensi che accadrà a dicembre del 2012?

Uscirà un nuovo terribile cine-panettone con Boldi, Vespa pubblicherà l'ennesimo libro.

soprattutto, nel frattempo, mi daresti qualche numero vincente da giocare al lotto?

Quelli li posso giocare solo io. non sono mica stupido come quelle maghe che in televisione garantiscono numeri fortunati. Se lo fossero sul serio, perchè non li vanno a giocare loro.

Il cinefilante ha detto...

sasà... sei un mito!!!!!

Sasà-L'onniscente ha detto...

Comunque, tornando al film...

Trama deboluccia, ruoli costruiti su misura per attori molto amati dal pubblico. Fatta eccezione per Preziosi, curioso in ruolo diverso rispetto al solito. Osceno come sempre Vaporidis. Un film nel complesso carino, che in qualche modo, visto il cast corale,tra vent'anni potrebbe entrare nel filone cult, un po' come "Grandi magazzini".