lunedì 1 giugno 2009

Uomini che odiano le donne

  • 29 maggio 2009 presso il Multisala Astra, sperduto nella zona industriale di Avezzano... un po' difficile trovarlo ma di grande soddisfazione per la quantità di sale!


Ma che bello andare a vedere un film a scatola chiusa.. senza saperne nulla.. e godersi un bello spettacolo!
Temevo un’operazione simile a Angeli e demoni, best seller anch’esso ma da cui è stato ricavato un film di merda e invece, finalmente, un bel filmone come da tanto tempo non se ne vedevano sullo schermo.
Grande goduria quindi per un cinema che non necessita della star più pagata o chiacchierata per attirare il pubblico e nemmeno di strilli come “il film più costoso della storia”.
Uomini che odiano le donne è corposo e anche tentacolare nell’abbracciare diversi personaggi e contesti… si dipana con una certa grazia raccontando storie nella storia senza che si faccia confusione, creando interesse e suspance anche solo attraverso una fotografia.
Merito del romanzo scandinavo? Di una regia coi controcojoni che non si perde in derive da videoclip?
Una volta tanto a queste domande non cerco nemmeno di dare una risposta…. Quando c’è un bel film, cosa che orai capita un po’ troppo raramente, si preferisce non perdere tempo in un’analisi che svilirebbe uno degli scopi sacrosanti della settima arte, ovvero uno svago eccellente condito di emozioni, immedesimazione, curiosità e alla fine anche una bella soddisfazione!
Di fatto comunque il punto forte del film, che comunque ha una sceneggiatura evidentemente solida, sono i personaggi su cui svetta Noomi Rapace (nella parte di Lisebeth), una tank girl che ha tutti i numeri per diventare un personaggio cult!
Per il resto aspettiamo il resto della trilogia… perché ahimè… anche qui di trilogia si tratta.
Al dramma della trilogia non sfugge nemmeno il cinema scandinavo ma almeno riescono a fare dei bei film!
Insomma vi suggerisco di andare a vederlo senza indugio prima che qualche avido produttore americano ne faccia un remake al volo con Robert De Niro nella parte del protagonista maschile, Kristen Stewart nella parte della tormentata protagonista femminile ma soprattutto con Gene Hackman e Robert Duvall nella parte dei due grandi vecchi (entrambi potrebbero poi essere ovviamente candidati all’oscar come miglior attore non protagonista…)...

Visto che mi trovavo a Tagliacozzo quando ho visto questo film vi segnalo un bar che c’è praticamente da sempre in cui fanno una discreta pasticceria, un ottimo caffè (con la macchinetta a pressione come nei bar di Napoli) e pure un aperitivo interessante oltre che i tramezzini con il pain brioche invece che con il pain carrè. Che ci volete fare.. sono un po’ fissata… Si chiama Bar pasticceria Olimpia in Via Camillo Corradini, 127/129 ad Avezzano (AQ) tel. 0863 413800

5 commenti:

nickoftime ha detto...

Un antidoto alla boiate tipo "Angeli e Demoni" che come al solito ci vengono rifilate durante l'estate.

E che dire della ragazza ritratta nella fotografia da cui parte l'indagine del film: una specie di Gioconda che senza recitare sullo schermo riproduce all'ennesima potenza e giustifica l'ossessione che dovrebbe avviare qualsiasi detection che voglia chiamarsi tale.

Per finire il film mette nuovamente al centro della scena una investigazione che non è un insulto alla logica ed all'intelligenza dello spettatore...

Ballestrero ha detto...

Stavolta del film che hai visto ho capito l'entusiasmo che ha suscitato, ma nulla è trapelato sulla storia. Sembra che stavolta ci sia un "buco di sceneggiatura", ehehehehe!!!!

Nickoftime, dal tuo profilo si leggono cose davvero interessanti: da quando ti occupi di coltivazione di barbabietole in Afghanistan? LOL :-)

Il cinefilante ha detto...

eh no ballestrero... non c'è buco di sceneggiatura ma solo la necessità di non togliere la sorpresa a chi deciderà di andare a vederlo... il non sapere nulla della storia rende la visione ancora più intrigante...

nickoftime ha detto...

A proposito delle mie occupazioni agricole ti posso dire che le cose andavano benissimo fintanto che dal cielo cadeva acqua e non proiettili...poi sai come è andata e la produzione ha avuto un grosso calo...ora però c'è Obama per cui torno a sperare.

un saluto

Anonimo ha detto...

nel film c'è una scena violentissima, agghiacciante, disturbante