lunedì 4 agosto 2008

Gone Baby Gone

  • Ancora Blockbuster...


Andare da Blockbuster a scegliere un film è sempre frutto di discussione tra me e mio fratello... portiamo a spasso il cane che per qualche assurdo motivo non può entrare a meno che non sia tenuto in braccio... visto che però pesa circa 20 chili l'impresa sarebbe un po' ardua e quindi entriamo alternativamente a fare un giro e poi confrontiamo le preferenze. Lui sempre alla ricerca dell'ultimo film italiano con Valerio Mastandrea io invece sempre a cercare qualcosa che mi sono persa al cinema. Ho dovuto ingaggiare una lotta per prendere Gone baby gone ma alla fine ce l'ho fatta. Certo un film diretto da Ben Affleck non è che promettesse bene...
Ben Affleck (immagino che ce l'avrete tutti presente ma vi voglio mettere un remind) è l'uomo con la mascella più scucchiosa del mondo, che manco Ridge di Beautiful può competere.
Non mi è mai piaciuto questo attore ma soprattutto non mi sono mai piaciuti i suoi film da attore però di Gone baby gone avevo sentito dire un gran bene da persone che condividono i miei gusti e quindi gli ho voluto dare una chance. Dunque Ben Affleck in veste di regista... scopro che il poveretto non è al debutto e che questo è il suo terzo film. I primi due non hanno mai visto il buio in sala, evidentemente dovevano essere due fregnacce fantasmagoriche.. il terzo invece si rivela una bella sorpresa. Il protagonista è il fratello del regista.... nepotismo allo stato puro... Casey Affleck però almeno è totalmente privo dell'aria bovina di famiglia anzi ha un aspetto torbido e tormentato che giova al personaggio... poi c'è la deliziosa Michelle Monaghan che io talentscautai anni or sono.... che ci volete fare ho ANCHE questo talento... e ce l'ho da sempre... mi ricordo nel 1976 King Kong al Cinema Adriano commentai l'imterpretazione di Jessica Lange con queste parole "questa farà strada!"). Vabbè poi ci sono Ed Harris e l'onnipresente Morgan Freeman insomma un bel cast denso ma non spocchioso.
Gone baby gone te lo vedi senza un attimo di calo dell'attenzione, nonostante la rovente serata estiva... nel suo svolgersi una girandola di personaggi dalla precisa caratterizzazione psicologica. Un vorticoso alternarsi di verità e menzogne finisce per confondere il bene e il male, lasciando i contorni sfumati e privi di un valore assoluto. E' un film amaro che ti lascia con la sensazione di qualcosa di sbagliato, con la voglia di discuterne per vagliare tutte le possibilità. Moralmente non esiste un vincitore, una figura positiva, il mondo si divide tra chi è corrotto è chi corrompe in uno schema perfetto e inamovibile. Anche la "giustizia" diventa un'arma contorta e subdola, qualcosa di sfuggente e opinabile nelle mani dell'essere umanno che si arroga il diritto di giudicare. Insomma bei temi trattati non banalmente... meno "pesante" di Mystic River (sono tratti entrambi dallo stesso scrittore) ma non da meno nel lasciare un senso di inquietudine sottile. Ma chi l'avrebbe detto che il mascellone ti sfornava un tale film? Questa è la dimostrazione che non bisogna essere mai prevenuti nei confronti di qualcuno... certo questo non vuo dire che mi precipiterò a vedere il prossimo film di Mimmo Calopresti... o che mi affitterò l'ultimo dei Vanzina.. ma di certo aspetterò con una certa curiosità il prossimo film da regista del mascellone!

L'abbinamento con Gone baby gone lo faccio che non c'entra ASSOLUTAMENTE nulla però mi preme dare notizia dell'apertura a Roma di un negozio che aspettavo da svariato tempo: Muji in Via del Tritone, 199 telefono 0669922053. Se non conoscete MUJI vi consiglio di andarci subito a fare un giro, troverete un po' di tutto.. dall'abbigliamento minimale, le mollette design per stendere i panni, accessori per la casa e per la persona.. cancelleria a go-go e articoli da viaggio, arredamento... tutto con uno stile veramente unico, uno stile molto giapponese ma soprattutto uno stile molto MUJI!

4 commenti:

Ballestrero ha detto...

Caro cinefilante, condivido in pieno il tuo commento su Ben Affleck e mi complimento per la bella recensione del film, come sempre limpida e ben strutturata. Per toglierti il gusto di un pò di presa in giro di Ben Affleck, fatti un giro su www.awfulplasticsurgery.com e troverai un simpatico spazio dedicato a lui e al suo trapianto di capelli! :-)

Ballestrero ha detto...

Visto che sul sito che ho messo, la foto di Ben Affleck è stata archiviata, provvedo a darti il link diretto:

http://www.awfulplasticsurgery.com/archives/2003_09.html

Il cinefilante ha detto...

mio dio! ho dato un'occhiata.. una cosa agghiacciante... a dire il vero ben affleck è il meno peggio di tutti.. sono rimasta scioccata da meg ryan e da madeline stowe... di pete burns (il cantante dei dead or alive... you speen me round...) sapevo perché ho un amico che lo adora... fa un certo effetto vedere mostruosità del genere tutte insieme!

Anonimo ha detto...

E meno male che una volta tanto siamo d'accordo su un film...

Ciao
Leo