mercoledì 11 gennaio 2012

Edgar J.


  • Qualche giorno fa (domenica), cinema King di Via Fogliano. Sul giornale c'è scritto alle 19.00 invece è alle 20.00
  • Cinema pieno, gente annoiata.


Edgar J.
Ricetta: ingredienti e procedimento.


Prendete il feticcio scorsesiano Di Caprio e sostituitelo con Tiziano Ferro dopo l'outing.
Costa di meno, è identico e nessuno noterà la differenza, tanto da credere che che in effetti sia Di Caprio con le lenti a contatto scure.





Prendete la vita di Edgar J. Hoover, uno dei più grossi bastardi della storia americana contemporanea, sorvolate sugli atti più allucinanti, minimizzate qua e là e riducetelo ad un ometto la cui unica colpa è quella di voler essere adorato e apprezzato dalla gente.

Toglietevi lo sfizio di far credere allo spettatore che la sua vita sessuale si limitasse a teneri sfioramenti della mano del suo assistente invece di cavalcarlo poderosamente.

Piazzate una Naomi Watts senza che la sua parte abbia il minimo guizzo e il seppur minimo perché.

Evitate qualsiasi approfondimento psicologico, cascasse il mondo.

Esagerate col trucco, possibilmente stile maschera Mission Impossible serie originale degli anni 60.

Non vi stranite più di tanto, che gli americani sono quelli che facevano i film con gli indiani cattivi...

Fatevi una ragione del fatto che pure Clint Eastwood ce lo semo giocato.

Ora che avete tutti gli ingredienti prendete una mazza da baseball e sbattetela senza pietà e poderosamente sui coglioni degli spettatori.

Continuate senza sosta per circa due ore e un quarto e avrete ottenuto Edgar J.

Abbino ad un film dello splendido binomio Eastwood/Siegel, sebbene sia uno dei meno conosciuti è uno dei miei preferiti, La notte brava del soldato Jonathan. Quelli sì erano tempi...

4 commenti:

Ballestrero ha detto...

Merveilleux!
Specie per l'occhio fino che bene ha centrato la somiglianza in questo film tra Di Caprio e Tiziano Ferro!

Anonimo ha detto...

Da vecchio però somigliava a Orson Welles!!! O è Tiziano Ferro che somiglia ad Orson Welles? :)

Ale55andra

Il cinefilante ha detto...

In effetti quando Tiziano Ferro era grasso somigliava ad Orson Wells giovane!

veri paccheri ha detto...

:-D caspita, ferro è veramente uguale a di caprio, uan goccia !!
per le somiglianze il tuo occhio non sbaglia mai :-D
eh sì, bei tempi quelli di siegel!