mercoledì 9 luglio 2008

Eragon

Visto in ora tarda su SKY, con un principio di bavetta sui cuscini del divano...

Io sono un po' distratta e pensavo che in questo film ci fosse Viggo Mortensen, quindi per una buona metà della visione ho pensato che il protagonista fosse Viggo da giovane.
E mi dicevo... certo che questo è "paro paro" Jamie Oliver, il cuoco inglese che chiunque abbia familiarità col Gambero Rosso Channel non può non conoscere...
Questo a sinistra è Jamie e quello sopra è Eragon. Che poi ho capito perché pensavo che fosse Viggo Mortensen... per via del SIgnore degli anelli dove Viggo si chiamava Aragorn o qualcosa del genere. Bè non vi indignate a me non piace il signore degli anelli, di fronte a quello stuolo di smielate dichiarazioni di amicizia fraterna tra un hobbit e l'altro preferisco dare un'occhiata a cosa cucina Jamie Oliver.
Insomma negli ultimi anni per colpa di sto signore degli anelli hanno sfornato una quintalata di film fantasy che alla fine sono tutti uguali. Qui abbiamo belle immagini aeree di bei paesaggi, una draghessa con la voce sensuale e un cavaliere improvvisato che inizialmente se la fa un po' sotto e poi invece diventa un prode... combattimenti tra energumeni orrendi, uomini coi capelli lunghissimi, uno spettro o un demone /quel che è) e poi... ehm.... poi.... ecco in effetti poi che c'è? Manca la storia d'amore, manca la tragedia, manca la suspance, manca l'aura epica... insomma dividilo in 2 puntate e va bene per il pomeriggio estivo di Italia 1.
Comunque, come dicevo, ieri ho avuto dei momenti dei defaillance in cui mi sono abbioccata, complice l'estemporaneo pomeriggio al mare quindi è possibile che nei minuti perduti a favore di un sonno ristoratore sia successo di tutto... la storia d'amore, la tragedia e pure che sia arrivato Viggo e che magari sto film sia una cosa stupenda solo che io non lo posso sapere. Del resto provate a guardare "I soliti sospetti" e ad addormentarvi proprio mentre si capisce che Kevin Spacey ha sparato solo una marea di cazzate... e dei soliti sospetti non rimarrà un gran ché. Tutto sommato però io continuo a credere che sto Eragon sia un po' buttato lì a sfruttare una moda del momento e non capisco nemmeno perché me lo sono voluto vedere... non mi piace il signore degli anelli e nemmeno Viggo Mortensen. Questa visione resta un mistero....

L'abbinamento di oggi lo faccio con Profondo Rosso, in Via dei Gracchi, 260 tel 06.3211395, il negozio fondato da Dario Argento e Luigi Cozzi. In questo negozio troverete una bella collezione di libri e film da fare impallidire Eragon (e sicuramente anche Jamie Oliver...), fantasy, horror, fantascienza, splatter.... inoltre qualsiasi titolo abbiate in mente ve lo trovano! Pensate che il cinefilante tramite questo negozio è riuscito a recuperare un libro che cercava da oltre vent'anni....

5 commenti:

lorenzo cairoli ha detto...

Blog ridicolo e cinofilo.

Il cinefilante ha detto...

Bè sul ridicolo tu sei talmente esperto che non ho termini per replicare. Però visto che invadi il mio spazio per motivi di ripicchetta di quarta categoria, invece di cancellarti il messaggio ti uso per mettere in guardia coloro che ti leggeranno. Questo personaggio usa il suo blog per adescare vittime al quale spillare quattrini che non rivedranno mai più.
Quindi evitate di avere a che fare con lui...
Grazie.. oggi mi hai dato la possibilità di rendere un servizio sociale...

Anonimo ha detto...

Confermo quello che dice la gentile padrona di casa. Il Sig. Cairoli è ufficialmente un cattivo pagatore sotto procedimento di recupero giudiziale per aver ottenuto, dietro le scuse più astruse, somme di denaro, da sempre più piccole a più consistenti, che sono state utilizzate per fini diversi da quelli per le quali sono state richieste.
Attenzione, ed è un warning ufficiale: NON PRESTATE SOLDI AD UNA PERSONA CHE SI CHIAMA LORENZO CAIROLI; se intendete rivederli indietro.
se volete ulteriori dettagli andate qui : http://www.gamberorosso.it/grforum/viewtopic.php?t=37796

Grazie a cinefilante e a tutti.
iavacc

Anonimo ha detto...

Una volta il mio amico nicola, che forse non lo sapete ma ha perto un cineclub nel garage di casa sua tra la ritmo 60 e i barattoli delle conserve dei pomodori, giorni fa, dicevo, ha radunato l'intera gang di cerciabella per una sua lezione sulla relazione semantica tra celebri menti del crimine tipo jack lo suqrtatore, kaiser sose, rollo tomasi, McGuffin, lorenzo cairoli, gargamella, e le percentuali di efficacia del lexotan su individui affetti da infiammazioni prostatiche.
Devo dire che non tutto mi è tornato chiaro dalla sua raffinata lezione, ancor meno sulle sue acrobatiche associazioni tra
elementi nozionistici così eterogenei.
Ora, magari di gargamella qualcosa ricordo, specie in merito alle sue discutibili abitudini alimentari, alle quali spesso sono riconducibili diterminati disturbi ghiandolari.
Quanto al sig. cairoli, la sua citazione nel folto elenco nicolistico mi coglie di sorpresa: chi è costui? dov'è la traccia
che segna il confine tra autenticità, cronaca e leggenda? in quali ambiti opera una simile mente altrove descritta come persuasiva, coercitiva e ingannevole? e soprattutto, perchè interviene a scomporre e frazionare in unità mustermarkiane elementi contenitivi altrimenti noti come "scatole" fino alla di esse completa rottura, e ciò proprio sul blog della nostra amica marzia?

Il cinefilante ha detto...

ma tu... tu.. tu sei un genio...!