martedì 1 maggio 2012

Cinema francese for dummies

E' in arrivo!

4 commenti:

Macsi ha detto...

Grazie, un sorriso inatteso che mi hai regalato in una mattinata, per usare un francesismo, de merde.

Sandro Roccia ha detto...

Inutile che ci provi, Cinefila, non riuscirai mai a farmi pensare che una sequenza di 80 minuti con primo piano in bianco e nero di una goccia che cade e come sfondo delle musiche composte da Bizet durante una crisi depressiva siano un bel modo di fare cinema. No no no no!

Però leggerò con molto interesse, lo giuro. Ma solo perché sei tu!

Anonimo ha detto...

D'accordissimo, sig. Roccia. Tutto vero, quant'è vero che la colpa è tutta del buco dell'ozono, che in centro non si trova mai parcheggio, che è più che altro l'umidità, e che tutti co sti cellulari non c'è più dialogo. Dimenticavo: una volta qui era tutta campagna...

Il cinefilante ha detto...

Caro Anonimo dei luoghi comuni... grazie per il tuo intervento così INUTILE! :-D